Raccontarla giusta

Domande e risposte sulla scrittura

  • ISBN 978-88-89831-76-2
Raccontarla giusta
9,99
kindle + epub + pdf
Raccontarla giusta
BeatriceDorigo

Beatrice Dorigo e Marco Lazzarotto

Ciao, siamo Beatrice e Marco! Siamo divoratori di libri, appassionati di narrativa e da anni lavoriamo quotidianamente con la scrittura.

“Ok, ho deciso. Sono qui, davanti a questa pagina bianca, che fa paura a tanta gente (o così dicono). Voglio scrivere. Voglio raccontare. E non posso fare a meno di chiedermi da dove partire”.

Inizia così Raccontarla giusta. Domande e risposte sulla scrittura il manuale pensato per chi ha una storia da raccontare, scritto a quattro mani da Beatrice Dorigo e Marco Lazzarotto. Perché questo è solo uno dei primi dubbi che vengono quando sei un aspirante scrittore e vuoi tirare fuori la tua storia dal cassetto. Ma ce ne sono trilioni di altri purtroppo!

Nutro molti dubbi

Come capisco se la mia storia merita di essere raccontata? Per esempio puoi sottoporla a un TPN, un Test di Potenzialità Narrative e vedere come va. È vero che devo sapere vita, morte e miracoli di tutti i miei personaggi? Che differenza c’è tra protagonista e narratore? Davvero mi tocca fare la scaletta? I dialoghi sono meglio realistici o identici al reale? Posso creare un personaggio antipatico? Scelgo un solo punto di vista o meglio tanti? Come strutturo la storia? Che cacchiarola è ‘sto show don’t tell?

Nel dubbio

E ancora: è proprio vero che gli aggettivi che finiscono in “-mente” generalmente fanno schifo? L’incipit perfetto esiste o è un mito che manco Loch Ness? Quando si finisce la propria storia come si fa a riscriverla restando obiettivi, per migliorare davvero il testo? Quali sono gli errori tipici del principiante, quelli da evitare? E se alla fine mi accorgo che quello che ho scritto non è malaccio, come lo propongo a un editore?

Il beneficio del dubbio

Dubbi attanaglianti sottoposti dall’allieva Beatrice Dorigo (scrittrice, blogger e libraia) al suo maestro Marco Lazzarotto (scrittore e docente). Beatrice fa le domande che ti sei sempre chiesto anche tu, in modo semplice e dritto al punto. Marco risponde in modo pratico, chiaro e con tantissimi esempi per far luce sui punti bui della scrittura, esempi che arrivano dalla letteratura (consigli di lettura a pacchi!), ma anche dal cinema e dalle serie Tv.

Un manuale che è anche una chiacchierata, divertente, ma completa su tutto quello che riguarda la scrittura e su come partire col piede giusto, senza paura e con gli strumenti giusti in mano.

A chi si rivolge?

L’ebook è perfetto per te che hai una storia da raccontare e non sai come iniziare. O per te che ami leggere e vuoi saperne di più sul dietro le quinte dell’attività di scrittore.

BeatriceDorigo

Beatrice Dorigo

Nasco nel 1980. Avrò vent’anni nel 2000 e la cosa mi sembra molto romantica. Imparo a leggere e scrivere a cinque anni e da allora non ho mai smesso di farlo. Forse è proprio per questo che nella mia vita adulta mi occupo di scrittura, ma soprattutto di libri: non solo perché ne compro e leggo in maniera compulsiva, ma soprattutto perché la mia fonte di sostentamento primaria è consigliarli e venderli.

Il mio blog è incorporella.com, ma mi trovate anche su cpiub.com

Per saperne di più…

Marco Lazzarotto

Sono nato a Torino (nel 1979), vivo a Torino (dal 2005), lavoro a Torino (presso la casa editrice Einaudi), ho scritto dei romanzi (Le mie cose, Instar Libri 2008; Il ministero della Bellezza, Indiana Editore 2013; A cosa stai pensando, Miraggi 2019) e anche alcuni racconti (usciti su «’Tina», «Colla», «Effe», «Carie», «Risme», «Delos Science Fiction») ambientati a Torino, ho tenuto corsi di scrittura a Torino (presso Zandegù) e tifo Torino.
Questo è il mio quarto ebook dedicato alle tecniche di scrittura, dopo Il dialogo, La riscrittura e Tutto il resto è noia nella collana «Zoom» di Feltrinelli (che però sta a Milano).

Dal febbraio 2019 collaboro con la rivista «Crack», dove ho una rubrica intitolata Tutto fa: microlezioni di scrittura basate sulla vita reale (si tratta di episodi accaduti davvero, perlopiù a Torino).

Per saperne di più…