Se mi lascia non vale

Guida ai Lasciatori:
riconoscerli, farsi una doccia e ricominciare alla grande

  • ISBN 978-88-89831-49-6
4,99
kindle + epub + pdf

Valentina Stella

Da piccola sognava di fare l’attrice, poi l’etologa, poi la cantante, poi l’inventrice e infine la giornalista.

Ci siamo passate tutte, vero?

C’è chi viene lasciata il giorno del compleanno, chi dopo un tradimento, chi perché vuole tornare con la ex, chi perché ha troppo da fare ma si viene mollate anche da chi è “timido” e ti lascia via sms o facendosi scoprire mettendo foto compromettenti su Facebook, e poi c’è chi ti molla senza tanti complimenti e chi sparisce nella nebbia senza darti spiegazioni.

Ma quanti diamine sono i Lasciatori?

Ce n’è un intero mondo e per voi li ha catalogati Valentina Stella nella sua guida Se mi lascia non vale. Guida ai Lasciatori: riconoscerli, farsi una doccia e ricominciare alla grande.

Una mappa per orientarsi

Una mappa per riconoscere le varie tipologie di uomo che lascia, i segnali da cogliere, i consigli per ripartire con grinta e tantissima ironia. Perché, ebbene sì, possiamo ridere anche delle rotture amorose e dei nostri e loro (dei maschietti) difetti. Valentina Stella lo sa bene: non ha mollato nessuno in vita sua, è stata sempre lasciata ma ogni volta si è rialzata alla grande, come racconta nell’ebook con una scrittura brillante e scorrevole.

E dopo che si fa?

9 Lasciatori tipici che tutte noi donne abbiamo trovato (direttamente o grazie ai racconti delle amiche) sul nostro cammino, tante storie di “scaricamenti” in cui ci riconosceremo, e un’appendice per capire cosa fare dopo la separazione: dal trovarsi una passione (no, il calcio a 5 che piaceva tanto all’ex non conta!), al piangere sulla spalla di amici e parenti, utili consigli semi-seri per arrivare finalmente al E poi che ci porterà un nuovo grande amore.

La guida è illustrata da Ilaria Urbinati.

Valentina Stella

Da piccola sognava di fare l’attrice, poi l’etologa, poi la cantante, poi l’inventrice e infine la giornalista. Al momento di scegliere il liceo era così confusa che ha dato la precedenza alla sua più grande passione: leggere. Si è iscritta al liceo classico e poi, per confermare il suo amore per la confusione, ha scelto la facoltà di Economia e Commercio. Ha studiato a Torino e a Lisbona e poi, dopo la laurea, ha lavorato per dieci anni nel marketing e nel licensing di grandi aziende, amando profondamente la vita in ufficio e i viaggi di lavoro, ma continuando a leggere libri e a scrivere su fogli di Word, quaderni, tovagliolini e carte d’imbarco.

Nel 2009 è diventata mamma di Guia, la sua vita è cambiata ma lei se ne è resa conto nel 2012, quando ha deciso di lasciare l’azienda in cui lavorava ed è entrata nel mondo dei freelance. Voleva avere più tempo per sua figlia ma anche per i suoi sogni, che negli anni erano andati a finire un po’ troppo in fondo al cassetto.

Innamorata di Torino, del cielo su Torino e dei cieli che incontra durante i suoi viaggi, scrive sul suo blog, Bellezza Rara, e ha ancora tantissime storie da raccontare.

Per saperne di più…